Il viandante – 2 novembre 2013

L’archetipo del Viandante rappresenta il secondo passaggio nel cammino evolutivo, dove  veniamo dalla vita sospinti nel processo di individuazione e iniziamo a vagare senza meta precisa, semplicemente mossi dai nostri bisogni non soddisfatti. Questa fase può durare moltissimo tempo.
Scrive C. S. Pearson in “L’eroe dentro di noi:” “”… l’identità del Viandante è quella dell’outsider [il concetto è di difficile traduzione: escluso, autoescluso, anticonformista, anticonvenzionale… n.d.rj. Nella vita spirituale egli può dover affrontare il dubbio. Spesso infatti gli è stato insegnato che Dio ricompensa una certa obbedienza alle regole e un certo comportamento morale tradizionale che generalmente sono in contrasto con la sua psiche, che si evolve sperimentando. Pure, l’oscura notte dell’anima che il Viandante attraversa porta spesso a una fede più matura ed equilibrata”.
Per chi si sia identificato in quest’archetipo, è l’ andare lo scopo del viaggio e non l’arrivare; la meta non è fondamentale ed importante di per sè quanto ciò che si può sperimentare andando verso la meta.

Il viandante è la ricerca, è la confusione, è la nebbia e la speranza che spinge oltre, è il silenzio interiore, è il confronto con la propria solitudine.
Per il viandante la vita è un’avventura. Questo viaggio può essere in paesi lontani o dentro la propria psiche, come in un processo analitico o in un percorso spirituale
La storia del Viandante inizia quando ci si sente prigionieri di uno status quo, costretti a obbedire a false regole tradizionali, a una identità non autentica. Quando l’insoddisfazione diventa una voce troppo forte dentro di se.
Secondo Pierangela Pavone, counselor, “L’Archetipo del Viandante ci insegna ad essere totalmente fedeli a noi stessi in ogni momento, questo richiede certamente molta disciplina ed essere in costante contatto con il proprio corpo, cuore, mente e spirito in ogni situazione della nostra vita.
Uno dei conflitti che il viandante deve attraversare è la tensione tra la voglia di affrancarsi dai propri limiti, il desiderio di seguire solo la sua strada, di essere padrone di se stesso e la necessita o il desiderio di piacere a gli altri.
Molti Viandanti che hanno imparato a vivere la loro vita in modo indipendente scoprono che quello che a loro manca è proprio il contatto umano, la relazione per cui il processo di trasformazione si completa quando riescono a vivere il rapporto con l’altro, senza sentirsene angosciati o fagocitati perchè hanno sviluppato un senso di sè abbastanza forte, in grado di saper gestire i piu’ intimi bisogni senza più paure ed eccessivo bisogno di conferme esterne.
Nel momento in cui il Viandante risolve il conflitto tra libertà e amore e riconosce il suo bisogno oltre che desiderio di amare, il conflitto si risolve, anche se, ed è importante affermarlo, la libertà non arriva se non quando come il Guerriero, un altro archetipo, impariamo ad affermare i nostri bisogni lottando per essi ed esponendoci, correndo dei rischi”
Quindi essere nell’archetipo del Viandante, implica il riconoscere la necessità del viaggio, dell’esplorazione per individuare i propri bisogni e sviluppare quell’amore compassionevole verso se stessi, che solo ci può dare la forza e il coraggio di combattere per l’affermazione di ciò che siamo realmente al di là dei vecchi condizionamenti.

Questo sito fa uso di cookies, facendo click su "Accetto" acconsenti al loro utilizzo. Ti invitiamo a leggere questa pagina per maggiori informazioni e per conoscere la Policy Privacy adottata: Policy Privacy e Cookies law

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi