Meditazione Sciamaniche

Meditazione Sciamaniche

postato in: In evidenza | 0

I simboli e i riti sono una parte integrante dell’essere umano. Jung sosteneva che i simboli appartengono all’inconscio collettivo mentre Freud riteneva che i simboli tendono ad emergere dall’inconscio perchè associati a idee rimosse del singolo individuo. In ogni caso i simboli sono “mediatori” tra il mondo reale e il mondo inconscio e come tale sono spesso associati ai riti, o ancora meglio i riti richiedono l’uso di simboli. Secondo David Kertzer, antropologo statunitense “non si dà rituale senza simboli e/o, al contrario, il simbolo, per il suo esplicarsi, ha bisogno del rituale. Tra l’altro il rito è sempre di ordine simbolico in quanto evocatore di significati individuali e/o collettivi” (1988).
I riti hanno spesso un’importante funzione ad esempio in tutto ciò che riguarda il lutto. I riti funebri hanno lo scopo di mantenere nel tempo il legame con chi non c’è più. In alcuni paesi, per dare valore a questo legame, i “morti portavano” regali ai bambini in occasione della festività dei defunti. Il dono serviva a rinsaldare il legame con le generazioni precedenti le quali continuano a vivere nel nostro ricordo. Tale ritualità richiama il principio del Talmud secondo il quale “ci vogliono tre generazioni per fare un figlio: quella dei nonni, dei genitori e dei figli”. Dalle generazioni precedenti arrivano i doni della vita.
Nelle costellazioni sciamaniche vengono utilizzati i simboli dei legami negativi e positivi con la nostra realtà e che grazie all’aspetto simbolico più facilmente potranno evocare a livello inconscio, le risorse della persona per andare oltre. In queste costellazioni chi chiede di affrontare un problema entra in scena in prima persona e diventa protagonista dell’atto simbolico che viene proposto per attivare un processo di consapevolezza e connessione con se stesso.
In questo periodo dove è sospesa la possibilità di ritrovarsi in gruppo, possiamo comunque “attivare” questa profonda connessione simbolica con la nostra “famiglia” intensa in senso più ampio e con i doni che i nostri antenati hanno per noi. In questa ottica vi guiderò in una meditazione “sciamanica” per cercare le risorse e le risposte per un problema o una situazione che non riusciamo a sbloccare.
Per chi fosse interessato consiglio di focalizzare il problema o la situazione da sbloccare e di scriverla in modo chiaro e sintetico su un foglio che utilizzeremo durante la meditazione.