L’ANIMA E IL RESPIRO DELL’UNIVERSO

L’ANIMA E IL RESPIRO DELL’UNIVERSO

Sabato 13 febbraio alle ore 11 in diretta su piattaforma Zoom.

Per partecipare chiedere link a: ildelfinoblu2006@gmail.com

Quinta meditazione del ciclo SIAMO FATTI DELLA STESSA SOSTANZA DELLE STELLE.

La fisica classica per millenni ha definito la realtà come una vasta gamma di oggetti solidi separati da uno spazio vuoto. Gli scienziati oggi, tuttavia, suggeriscono che un filo invisibile lega tutte le cose insieme, cioè che ci sia una rete olistica di interconnessione. L’interdipendenza di tutte le cose si può trovare in molte tradizioni spirituali. Nel Buddismo, per esempio, “Tutto è uno”. Ogni essere dell’universo dipende da tutto il resto per la sua esistenza. Non solo siamo connessi alle altre persone, ma siamo connessi all’aria attraverso il respiro e all’universo attraverso la luce.

Bohm (Wilkes-Barre, 20 dicembre 1917 – Londra, 27 ottobre 1992, fisico e filosofo statunitense) sosteneva che lo spazio e il tempo possono effettivamente derivare da un livello ancora più profondo della realtà oggettiva che lui chiama Ordine Implicito. Nell’Ordine Implicito ogni cosa è connessa e, in teoria, ogni elemento individuale può rivelare informazioni su qualsiasi altro elemento dell’universo: “Lo spazio non è vuoto. E’ pieno, un Plenum opposto a un vuoto, ed è il terreno per l’esistenza di ogni cosa, compresi noi stessi. L’universo non è separato da questo mare cosmico di energia”

Tramite le loro ricerche e sperimentazioni gli scienziati di HeartMath Institute sono arrivati a queste conclusioni: “Il nostro ritmo cardiaco influenza la capacità del cervello di elaborare le informazioni. Il cuore ha 40.000 neuroni sensoriali coinvolti nel trasmettere informazioni ascendenti al cervello. I neuroni hanno memoria breve e a lungo termine. Il cuore invia più informazioni al cervello di quelle che il cervello invia al cuore. Il campo magnetico del cuore umano può essere misurato a diversi metri di distanza dal corpo ed è più grande di quello del cervello”.

Quindi è attraverso il cuore che possiamo entrare in una profonda connessione con l’universo. Del resto l’unica legge che ci assicura la felicità sulla terra è quella dell’amore: per noi e per il creato. Respirare l’energia dell’universo le sue vibrazioni armoniche, ci può rendere consapevoli della nostra forza interiore e dell’energia con cui possiamo vivere la nostra avventura sulla terra.